Citazione del giorno – Elif Shafak

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Blog

“Non faceva parte di niente. Nella sua ininterrotta solitudine era completa. non si era mai sentita così esposta, eppure così potente.”

Elif Shafak, L’isola degli alberi scomparsi

Nata e cresciuta a Londra, Ada Kazantzakis, sedici anni, non sa niente del passato dei suoi genitori. Non sa che suo padre Kostas, greco e cristiano, e sua madre Defne, turca e musulmana, negli anni Settanta erano due adolescenti in quell’isola favolosa di acque turchine e profumo di gardenie chiamata Cipro. Non sa che i due si vedevano di nascosto in una taverna di Nicosia, dalle cui travi annerite pendevano ghirlande d’aglio e peperoncini. Non sa che al centro di quella taverna, testimone dei loro incontri amorosi, svettava un albero di fico. E non sa che l’albero, con le fronde che uscivano da un buco sul tetto, era lì anche quando l’eterno conflitto dell’isola, spaccata in due lungo la «linea verde», si era fatto più sanguinoso e i due ragazzini non erano più venuti. Ora quello stesso albero, nato da una talea trafugata anni prima a Londra, cresce nel giardino dietro la casa di Ada: unico, misterioso legame con una terra dilaniata e sconosciuta, con quelle radici inesplorate che, cercando di districare un tempo lunghissimo fatto di segreti, violente separazioni e ombrosità, lei ha bisogno di trovare e toccare.Pulsano, in questo libro spalancato sulla distruzione e gli esili provocati dalla guerra, colori luminosi e profumi d’erbe e olive nere; il battere delle ali di uccelli di ogni piumaggio; il canto ininterrotto delle fronde di un albero; il respiro sano di un amore e quello fiero della vita.

Rizzoli – L’isola degli alberi scomparsi

Parliamo di questo romanzo nella rubrica Letture Critiche – L’isola degli alberi scomparsi per approfondire i seguenti aspetti di tecnica narrativa: utilizzo dell’ elemento esotico, regola aurea del scrivi di ciò che sai e ambientazione.

Hai bisogno di un editing o di una valutazione? Richiedi un preventivo.